Uve: Fiano di Avellino.

Terreno: fresco, molto soffice e di origine vulcanica, dalle colline site tra i comuni di Atripalda e S. Potito Ultra.

Vendemmia: prima decade di ottobre.

Vinificazione: pigiatura soffice, pressatura dei grappoli interi, illimpidimento statico a freddo, fermentazione parzialmente condotta anche con starter di lieviti autoctoni, malolattica svolta non completamente.

Abbinamento consigliato: carni bianche, piatti a base di pesce fra cui i risotti, formaggi freschi, Mozzarella di Bufala e a insalate, anche come raffinato aperitivo.

TIPO:  BIANCO

ZONA:  CAMPANIA

DENOMINAZIONE:  DOCG

ANNATA:  2017